150° Unità d'Italia Presentazione Libro Gigi Di Fiore


NEWS


30/06/2011
Si è svolto questa mattina un incontro tra il Sindaco Antonio Raimondi e i sindacalisti dell’Italcraft Salvatore Pastore, Massimo Purificato (entrambi della Fe.N.E.A.L. Uil di Latina) e Carmine Zazzero della Fillea Cgil Latina.
 
Nell’incontro si è fatto il punto della situazione sulla vicenda Italcraft che, dopo un periodo di difficoltà, è entrata nella fase preliminare di concordato ristrutturatorio che nel 2012 porterà effetti positivi per i lavoratori e per l’azienda. La raccomandazione dei sindacati è stata quella di agire con prudenza e di collaborare perché in questa fase delicata si può decidere il futuro dei dipendenti.
 
“Il Comune di Gaeta è al servizio dei lavoratori della aziende della città affinché queste non chiudano. In questi anni, grazie alla mediazione e al dialogo messo in campo, non ha chiuso una sola azienda contenendo, nel nostro piccolo, gli effetti della crisi economica del periodo che stiamo attraversando – afferma il Sindaco Raimondi - La parte pubblica sta dialogando con l’Autorità Portuale e con il Consorzio Industriale per portare avanti il discorso del Centro Servizi per la Nautica (Ce.Se.Na) che coinvolgerebbe sia l’Italcraft che i Cantieri Navali del Golfo (Cng) con l’interessamento di un ente pubblico per reperire i finanziamenti. Abbiamo fatto modificare il progetto, per non intralciare il porto commerciale, che si realizzerà solo a condizione che le due ditte mantengano il loro livello occupazionale”.
 

“Abbiamo apprezzato la disponibilità del Sindaco che in questi anni non ha mai fatto mancare il suo appoggio e quello dell’Amministrazione al mondo del lavoro. Nel corso dell’incontro, inoltre, abbiamo espresso il nostro parere positivo sulla politica dell’Amministrazione circa l’affidamento dei lavori per la riqualificazione dell’arredo urbano – dichiarano i sindacalisti - Tanti piccoli importi consentono a diverse ditte di continuare a lavorare e a mantenere i propri operai così da mitigare gli effetti della crisi economica”