Convegno  Nazionale sull'Economia del mare


NEWS


21/11/2008

Obiettivo: partecipare e portare avanti insieme progetti europei Il Sindaco Raimondi ha accolto, ieri mattina, una delegazione della città di Ávila che, dopo un breve saluto in aula consiliare, ha visitato la parte storica di Gaeta recandosi, accompagnati anche dall’Assessore alla Cultura Salvatore Di Ciaccio, presso il Santuario della Montagna Spaccata, il Castello Aragonese, il Campanile del Duomo, la Chiesa dell’Annunziata e la Cappelletta d’oro. Sempre nel corso della mattinata, la delegazione ha fatto una sosta alla Base Nautica Flavio Gioia e allo stabilimento Italcraft. L’incontro è stato promosso dall’ufficio della regione Lazio a Bruxelles che, prima di Gaeta, tende a favorire gli scambi di esperienza tra città del Lazio e città europee per partecipare in modo congiunto a progetti e programma della Comunità Europea. “I nostri ospiti sono rimasti incantati dalla ricchezza artistica della nostra città e, nonostante la giornata non fosse delle migliori, anche dal bellissimo panorama che si poteva ammirare da vari punti del centro storico – afferma Raimondi – Si è creato subito, sia con il vice sindaco di Ávila che con gli altri partecipanti, un clima molto cordiale e collaborativo che ha permesso di svolgere tutte le attività della giornata in maniera ottimale”. Nel pomeriggio c’è stato un’incontro tecnico tra le rappresentanze industriali e turistiche di Gaeta e Ávila. Per la città spagnola erano presenti: il presidente della confederazione delle industrie regionale, due sindacalisti dell’Unione Generale dei Lavoratori, un rappresentante sindacale della Commissione Lavoratori e alcuni responsabili dei rapporti internazionali che collaborano con il comune di Ávila. La delegazione di Gaeta era formata dal Sindaco di Gaeta, dagli Assessori alla Cultura ed alle Attività Produttive, dal Dirigente del Primo Settore, dal Direttore dell’Autorità Portuale di Gaeta, dal Presidente del Consorzio per lo Sviluppo Industriale del Sud Pontino e i rappresentanti locali della Confindustria, della Confcommercio, della Confesercenti e dell’AssoAlberghatori. Ha partecipato anche il Presidente del Consiglio Comunale Pasqualino Magliuzzi “Ho sempre accettato tutte le proposte di incontro internazionale per ribadire il ruolo di Gaeta quale centro internazionale per la cooperazione euro-mediterranea, così come indicato dal programma, e anche questo contatto con la Spagna è importante e va in questa direzione – dichiara Raimondi – Due cose mi hanno colpito della città di Ávila. La prima è che nella regione di Castiglia e León c’è una forte presenza dell’industria nautica, un settore che vuole essere un punto di forza anche della nostra economia locale con la costruzione del distretto nautico. Poi c’è il turismo religioso: in questo campo Gaeta ha grandi potenzialità legate al grande patrimonio artistico-religioso che si sposa perfettamente con un turismo di matrice culturale da portare avanti 12 mesi l’anno”. “La presenza dei sindacati e delle imprese è stata molto importante – continua Raimondi – Viviamo in un momento di crisi economica mondiale che si riflette, inevitabilmente, a tutti i livelli. Però, sono convinto che ne possiamo uscire fuori solo lavorando tutti insieme nella stessa direzione : c’è bisogno di un lavoro congiunto, con obiettivi comuni, ognuno nel proprio ambito di competenza”. “Ávila è una città indicata dall’Unesco come patrimonio dell’umanità e quindi il turismo, soprattutto religioso, è una delle cose più importanti che abbiamo – afferma il Vice Sindaco di Ávila, Miguel Angel Avad - Siamo convinti che questo tipo di turismo, unito a quello culturale, debbano convivere e da qui è nata l’idea, qualche anno fa, di un convegno sulla Mistica che con il tempo si è sviluppata fino a far diventare la nostra città sede della prima università europea su questo argomento. Gaeta è una città perfetta perché ha tante cose, e siamo rimasti sorpresi da questa ricchezza, dove lo scambio di esperienze può servire ad entrambi per crescere n questo senso. C’è bisogno di un piano per lo sviluppo delle città al quale collaborino tutti”. A seguire, un componente della delegazione spagnola ha illustrato il piano redatto per la città di Ávila che in pochi anni ha raddoppiato la popolazione e poi c’è stata una discussione sull’industria nautica e del suo sviluppo. Al termine dell’incontro è stato siglato un protocollo d’intesa tra la città di Gaeta e la città di Ávila nell’ottica di poter presentare e portare avanti insieme alcuni progetti presso la Commissione Europea. “Ci è già stata fatta una proposta concreta: quella di partecipare all’Interreg4 per studiare come Ávila, città Patrimonio dell’Umanità, e Gaeta, città monumentale, e i centri di questo tipo possono far coesistere la notevole presenza del patrimonio artistico insieme con uno sviluppo industriale – conclude il Sindaco Raimondi – È quello di cui Gaeta e Ávila hanno fortemente bisogno per venire incontro al drammatico problema occupazionale che sta interessando molto Paesi europei”.