Giornalino p4


NEWS


14/03/2012

Il tavolo tecnico previsto dal Protocollo di Intesa tra Consorzio Industriale Sud Pontino, Eni e Comune di Gaeta prosegue con le sue attività. Nella riunione tenutasi presso l’aula consiliare del Palazzo Comunale di Gaeta l’8 marzo scorso hanno partecipato anche i professionisti delle società vincitrici ex aequo del bando internazionale di idee promosso dal Consorzio Industriale.

“Finalmente si entra nel vivo della discussione con il primo confronto diretto tra i progettisti e i tecnici dell’Eni. È stata una riunione interlocutoria che ha gettato le basi per una proficua collaborazione tra le parti che si incontreranno in questi giorni per scambiarsi tutta la documentazione necessaria a tracciare un preciso profilo del territorio sul quale si andrà ad intervenire. Inoltre, l’Eni ci ha aggiornato sullo stato di avanzamento dell’iter burocratico con tutte le richieste inviati agli enti competenti – dichiara il Sindaco Raimondi - I presenti hanno condiviso la necessità dell’Amministrazione, e quindi dei cittadini, di velocizzare i tempi legati alle questioni da affrontare all’interno del tavolo tecnico e si è deciso di comune accordo di aggiornarci per lunedì 26 marzo”.

Tra i punti discussi durante la riunione del tavolo tecnico c’è stato anche il seminario sulle bonifiche che si è svolto martedì 13 marzo 2012 presso l’hotel Villa Irlanda.

“Ringrazio l’Eni per l’opportunità che ha offerto per capire meglio gli aspetti tecnici legati a questi processi innovativi che determineranno anche la durata della bonifica a seconda delle opere che si realizzeranno in quell’area. Allo stesso tempo, la riqualificazione e lo sviluppo del territorio dovrà essere sostenuta da tempi di approvazione certi da parte degli enti coinvolti nel rilascio di pareri ed autorizzazioni – aggiunge Raimondi - Anche per questo, nella prossima riunione del tavolo tecnico esamineremo da vicino le prime bozze progettuali in modo da ragionare in maniera pratica sul futuro della zona che non riguarda solo Gaeta ma tutti i comuni del comprensorio del Golfo”.